Museum für Gestaltung e Landesmuseum
10.11.2018
Zurigo
..

Il Museum für Gestaltung (Museo zurighese di arti applicate) fu realizzato dagli architetti Steger e Egender e inaugurato nel 1933 in stile "Bauhaus”. Nel marzo di quest’anno, la sala espositiva annessa alla vecchia sede della scuola di arti applicate, è stata riportata all'originario splendore e ospita una mostra permanente dedicata agli oggetti d’uso quotidiano, agli ambienti d’arredo e ai manifesti, lavori realizzati tutti nel XX secolo. Nel pomeriggio visiteremo al Landesmuseum la mostra “Swissness”, che, oltre ad indicare da dove derivi la croce svizzera, tratta del miracolo economico svizzero e del significato che hanno avuto l’industria tessile e l’industria delle macchine per il paese.

 

Segnaliamo che il viaggio avverrà in treno, pertanto per motivi organizzativi ognuno dovrà procurarsi per tempo il biglietto, approfittando eventualmente delle svariate riduzioni (abbonamento ½ prezzo, carte giornaliere dei comuni, ecc.).

Si presenta un’ottima occasione per ammirare un monumento architettonico nel suo aspetto originale e seguire la visita guidata (in italiano) delle mostre:

 

“Collection Highlights”

Lo sgabello di Max Bill incontra l'Apocalypse di Albrecht Dürer (1498) e il personaggio dell'universo di Adrian Frutiger un abito da cocktail Balenciaga, i burattini di Sophie Taeuber-Arp danzano intorno all'orologio delle FFS e un vaso Art Nouveau di Emile Gallé si unisce a una litografia di El Lissitzky. Questo e altro è presentato per la prima volta al Museo zurighese di arti applicate in una mostra permanente.

 

“Habitat ideale”

Nel 20° secolo, designer e produttori svizzeri hanno idee molto chiare sulla perfetta architettura degli interni. Si interessano alla forma astratta poi, negli anni '30, si entusiasmano per mobili in tubolare d'acciaio flessibili e, a cavallo del secolo, propagano l'unione tra forma elegante e funzione utilitaria. Intorno al 1968, la cultura popolare e la pop art conquistarono i saloni. Un decennio dopo, si celebra la diversità postmoderna degli stili, prima di riscoprire il minimalismo alla fine del secolo. La collezione presenta le principali tendenze del design di mobili svizzeri nell'era moderna e traccia l'evoluzione degli stili di vita.

 

“Storia dei manifesti”

La storia del design in grande formato: dai suoi inizi più di un secolo fa ad oggi, il poster illustrato ha mostrato un'impressionante diversità stilistica. Essi illustrano la varietà di approcci creativi e sottolineano l'inventiva mozzafiato della cultura dei poster. Il museo ha una collezione di poster che lo rende una delle più grandi raccolte di archivi nel mondo di questo mezzo. La mostra lascia intravedere le vaste riserve del museo e illustra la tavolozza tematica, geografica e storica.

 

“Swiss design lounge”

Nella rinnovata Ausstellungsstrasse, la Swiss Design Lounge vi invita a incontrare i classici del mobile svizzero e i progetti in corso. La compatta selezione di poltrone, sedie, tavoli, credenze basse, lampade, tappeti e tende mostra contemporaneamente la diversità storica del design - tra arredi e set standard, funzionalità e creatività. Lo spazio luminoso con vista sul parco è aperto a tutti.

 

Il pomeriggio, al noto Landesmuseum (Museo nazionale svizzero), è invece dedicato alla visita guidata riservata esclusivamente ai gruppi dell’esposizione «Swissness. Tradition und Innovation»: Da dove deriva la croce svizzera? Qual è il miracolo economico svizzero? Che significato ha avuto l'industria tessile e l'industria delle macchine? Un giro per prodotti tipici come formaggio, cioccolato, orologi, prodotti chimici e farmaceutici, centro finanziario svizzero, miti, immagini e leggende. Argomenti: Svizzera paese delle vacanze, Svizzera centro finanziario, miti.

..
 
 

Amici dei Musei
del Canton Ticino

CP 316     
6900 Lugano 6

Segretariato 
robyamicideimusei@bluewin.ch

..